Login

Sostieni Siroco

Contribuisci alle attività culturali di Siroco Vog.l.iamo a SudEst con un contributo volontario una tantum o periodico.

Fare cultura costa.

I concerti d'inverno

 

Francesco Del Prete  Corpi d'arco

I colori dell’anima dal volino di  Francesco Del Prete - 16 dicembre

 

Sulla tela del Blanc Cafè di Gallipoli, venerdì 16 alle 21,30, Francesco Del Prete torna a dipingere i tratti dell’anima con il suo Corpi d’Arco.

E’ un atteso ritorno nella Città Bella dopo le emozioni regalate al Teatro Garibaldi ed è un ritorno al Blanc, questa volta con il suo lavoro, dopo aver preso parte alle Shurhùq jazz session che, per l’occasione, prendono fiato.

“Solo”, il violino elettroacustico francese che, con raro talento,  Francesco orchestra come fosse una band glissando da un genere all’altro, racconta di profumi che sanno di “zenzero e cannella”, percorre un viaggio su “cavalli a dondolo” e malinconico si ferma a contemplare un romantico “arpeggio di lune”. E’ un evento Shurhùq.

 

 

 

 

AnxaQuartet Concerto di Natale- 28 dicembre

 

L’AnxaQuartet è l’incontro di musicisti provenienti da esperienze e formazioni diverse ma con intenti e passione comuni. Sensibilità e vissuto che caratterizzano ciascuno dei componenti si esprimono e si amalgamano grazie ad un equilibrio simbiotico e ad una complicità espressiva. Il quartetto d’archi (violini, viola e violoncello), mediante un intenso lavoro di ricerca e di studio, ripropone all’attenzione del pubblico oltre ai capolavori - noti e non – della letteratura musicale classica (da Haydn a Dvorak) anche le sonorità più moderne e coinvolgenti attraverso arrangiamenti che spaziano dalla musica da film (da Gershwin a Morricone e Piovani) al jazz e al rock attingendo dalla tradizione e sperimentando nuove idee. Primo violino Dino Scalabrin, II Violino Davide Greco, Viola Maria Antonietta Losito, Violoncello Jacopo Conoci.

Programma

W. A. MOZART (1756 - 1791) Divertimento KV 138 n.3 (Allegro – Andante – Presto), Eine kleine Nachtmusik K525, (Allegro)

G. GERSHWIWIN (1898 - 1937) Summertime, Swanee, The man I love.

J. F. LAMB    (1887 - 1960), Bohemia Rag

S. JOPLIN (1867 - 1917), The easy winners

J. S. BACH (1685 - 1750), Aria sulla IV corda, dalla Suite n.3 in Re magg. BWV 1068)

C. GARDEL (1887 - 1935), Por una cabeza

S. JOPLIN, The Strenuous Life, The Entertainer

PIAZZOLLA (1921 - 1992), Libertango

R. CRISTIANO, Adagio in re

V. MONTI (1868 - 1922), Csárdás

K. K. DAVIS (1892 - 1980), The little drummer boy

Y. GARDNER, All I Want for Christmas is my two front teeth

B.RAM / K. GANNON / W. KENT, I’ll be home for Christams

F. BERNARD (1897 - 1944), Winter Wonderland

 

 

Fulvio Palese   Madeleine

con Rachele Andrioli, Luigi Botrugno, Cosimo Romano, Antonio Bramato - 30 dicembre

Madeleine vuol dire interrogare la memoria; un’esigenza espressiva tesa fra il ricordo (da qui il riferimento a Proust e alle sensazioni mnemoniche che l’assaggiare “un pezzetto di madeleine” provoca nell’autore all’inizio della sua Recherche) e il rinnovamento (il programma contiene composizioni ed arrangiamenti originali). Il concerto si snoda attraverso la musica francese (soprattutto quella dell’indimenticabile Edith Piaf), le ballate messicane di Chavela Vargas, la storia del tango (Gardel, Piazzolla, Girotto) ed alcuni brani originali.


Madeleine ha recentemente suonato e collaborato con Javier Girotto in seno al progetto “Improvvisare tango”.


Fulvio Palese saxofoni, Luigi Botrugno pianoforte, Rachele Andrioli voce, Cosimo Romano contrabbasso, Antonio Bramato batteria

 

 

 

 

 

Partnership

Shurhùq Newsletter